ARIANNA RICCI

Arianna Ricci è laureata (magistrale) in Storia e Civiltà Orientali, con una tesi in Lingua e Letteratura Cinese. Si è diplomata alla Scuola di Teatro Colli con diverse esperienze di recitazione professionale, un'esperienza di doppiaggio ed una da comparsa su un set cinematografico. Ha vinto tre premi di poesia per giovani poeti (due a livello locale, uno a livello nazionale) e conosce ed utilizza le tecniche di scrittura in prosa, sia saggistica, sia narrativa, sia giornalistica nella stesura di articoli e recensioni. Ha appreso privatamente le tecniche di Decorazione Murale d'interni (specialmente per bambini).

 

 

 Contatti: arianna-ary-ricci@libero.it

 

TUTTI I CONTRIBUTI


ROGUE ONE

Rogue One - A Star Wars Story

 

di Elisa Baioni e Arianna Ricci

 

A volte le saghe procedono, altre tornano indietro con lunghi flashback, altre volte ancora, invece, spiegano se stesse. È questo il caso di Rogue One - A Star Wars Story, spin-off ambientato nel mondo ideato anni or sono da George Lucas, che cuce una maglia vacante nella trama più ampia della celebre saga.

 

leggi di più

STAR TREK BEYOND

Star Trek Beyond

 

di Arianna Ricci

 

È cominciato tutto nel Settembre 1966, con una serie tv fantascientifica che faceva capolino sugli schermi americani, esploratrice dell'ignoto e pioniera in un panorama televisivo abituato prevalentemente al genere western. Poi, attraverso le prime motion picture, le nuove serie, i romanzi, i fumetti ed il fandom cresciuto sempre di più, si è giunti oggi ai cinquant'anni di un pilastro come Star Trek. L'uscita del film Star Trek Beyond (diretto da Justin Lin, scritto da Simon Pegg e Doug Jung), in concomitanza con lo scadere del primo cinquantenario della serie, non ha avuto la stessa risonanza della rinascita di Star Wars con la nuova trilogia. Eppure, non meno amato, forse, da questo punto di vista, Star Trek si presenta più come un pilastro silenzioso, una certezza per gli amanti del genere Sci-fi.

 

leggi di più

PICCOLI BRIVIDI: NON GIUDICARE UN FILM DALLA PELLICOLA

di Arianna Ricci

 

Tutti coloro che si definiscono dei fieri ed autentici 90s Kids, “ragazzi degli anni '90”, hanno sicuramente letto i libri, visto gli adattamenti televisivi, o, quanto meno, sentito parlare dei celebri Piccoli Brividi (Goosebumps) di Robert Lawrence Stine, la serie di romanzi horror per ragazzi che ha avuto la sua prima pubblicazione nel 1992 e da allora ha venduto centinaia di milioni di copie in tutto il mondo.

 

Oggi tutti i lettori possono vedere il loro più grande sogno (o incubo!) diventare realtà: i mostri dei Piccoli Brividi compaiono al cinema ed escono dai loro libri. Letteralmente. Infatti, la trama del film uscito il 21 Gennaio ed intitolato come la serie, è basata proprio sull'idea che i mostri di R. L. Stine abbiano la possibilità di uscire dai propri libri e vivere di vita propria. Lo stesso autore passa da narratore onnisciente e neutrale a personaggio del film: lui, scrittore dotato di strani poteri, è in grado di creare queste creature ed intrappolarle fra le pagine, in manoscritti che tiene chiusi con un lucchetto di cui solo lui ha la chiave.

 

leggi di più

STAR WARS: IL RISVEGLIO DELLA FORZA

di Arianna Ricci e Elisa Baioni

 

 

 

«C'è stato un risveglio, lo hai percepito?»

Snoke a Kylo Ren, Star Wars – Il risveglio della Forza

 

 

 

 

Come non percepirlo, anche da questo lato dello schermo? I fan sono rimasti a lungo tempo in trepida attesa e ancora adesso continuano ad essere in costante fermento. Complice di tanto entusiasmo non solo l’effettivo calore per una delle saghe più amate, ma anche la segretezza voluta dal regista J.J. Abrams, a cui va il merito di essere riuscito, nell’era dell’informazione istantanea, a far sì che il pubblico si recasse al cinema senza sapere cosa avrebbe visto. Ora che tutti hanno finito di emozionarsi per l’apparire della scritta Star Wars sul grande schermo e per le note incalzanti di John Williams, ad esplodere sono stati i commenti che, ovviamente, hanno confermato ciò che si sospettava: la scelta della Disney di puntare sulla saga ha fatto centro, l’episodio VII si è qualificato come il terzo film più visto di tutti i tempi. Pur essendo frutto di una grande operazione economica, sbaglieremmo a credere che Il Risveglio della Forza sia semplicemente questo. 

 

leggi di più

CIBO

di Arianna Ricci

13 Dicembre, h. 16:00 all'ExForno MamBo: ecco il terzo appuntamento con La Merenda, il format di divulgazione dal vivo di Deckard. 

 

Dopo aver passeggiato per le vie di Bologna ed essersi fermati ad ascoltare i suoi suoni e la sua musica, ci vuole un momento per rifocillarsi ed ecco il principale argomento della nostra discussione. Le ospiti di questa settimana sono Nike Baragli, allieva del Prof. Massimo Montanari (uno dei maggiori esperti mondiali di storia dell'alimentazione)  e collaboratrice di Foodzine Dispensa, e Sara Liparesi, responsabile di Gestione FICO Eataly World.

 

leggi di più

IN ATTESA DEL RISVEGLIO DELLA FORZA – PUNTATA 2: LA SECONDA TRILOGIA

di Arianna Ricci

 

Continua a crescere l'entusiasmo ora che il 16 Dicembre è finalmente giunto: i negozi espongono vetrine costellate di decorazioni natalizie e stormtroopers, le pubblicità vogliono mettere in mostra la Forza del proprio prodotto e il Lato Oscuro della concorrenza, persino Facebook invita gli utenti a modificare automaticamente la propria immagine del profilo per mostrare che sono fans di Star Wars. E per chi, come noi, ha deciso di andare a vedere il nuovo film in uscita avendo avuto cura di rinfrescarsi la memoria o prepararsi per la prima volta guardando l'intera esalogia della famosa saga fantascientifica, i tre film conosciuti come la “nuova trilogia”, usciti rispettivamente nel 1999 (Star Wars I: La Minaccia Fantasma), nel 2002 (Star Wars II: L'Attacco dei Cloni) e nel 2005 (Star Wars III: La Vendetta dei Sith) pongono un problema: in quale ordine vanno visti i sei episodi? Infatti, questi ultimi tre sono i prequel di quelli usciti a partire dal 1977 e mostrano l'evoluzione degli eventi che hanno portato all'instaurazione dell'impero e alla nascita di uno dei cattivi dei film più famosi al mondo, Dart Fener.

 

leggi di più

#STORYTELLING: IL MUSEO DELLE STORIE DI PIEVE DI CENTO

di Arianna Ricci


Esiste la Storia, con la “S” maiuscola, ed esistono molte storie, con la “s” minuscola, le quali tuttavia non sono meno importanti della prima e, anzi, molto spesso la compongono come le cellule di un organismo. Ecco una delle principali basi da cui parte l'idea del Museo delle Storie di Pieve di Cento, inaugurato il 14 Novembre 2015, presso la trecentesca Rocca e Porta Bologna, insieme alla Piazza della Rocca, che è stata riqualificata, dopo un evento drammatico come il sisma verificatosi in Emilia Romagna. Il direttore artistico del Museo, lo scrittore Matteo Bortolotti, modera l'inaugurazione e inizia con parole significative: "Siamo in piazza in un momento in cui dalla piazza cercano di toglierci e di farci paura". Segue un minuto di silenzio dedicato alle vittime dell'attentato di Parigi, accaduto la sera prima. L'intera cerimonia, infatti, oltre che a festeggiare l'occasione, è volta a sottolineare l'importanza di valorizzare la cultura e di insegnare alla nostra paura a non scadere nell'odio.

leggi di più

GARM WARS: L'ULTIMO DRUIDO

Garm Wars: l'Ultimo Druido



di Arianna Ricci


Lucca Comics and Games 2015. Tempo di fumetti, videogiochi, cosplay... E tempo di attesissime anteprime cinematografiche! Il pomeriggio del 30 Ottobre, presso il cinema Astra, è stato proiettato il nuovo capolavoro fantascientifico di Mamoru Oshii, Garm Wars: L'ultimo Druido. Una produzione Nippo-Canadese che mette insieme live action e computer grafica. In questa nuova pellicola, il regista di Ghost in The Shell perde lo stile dell'anime Giapponese, ma non la sua atmosfera oscura, che si esprime attraverso macchine volanti che hanno il sapore delle illustrazioni di Rodney Matthews. Si tratta di un film interessante e complicato che, sul momento, lascia lo spettatore quasi disorientato. La trama è densa e ricca di numerose tematiche profonde, rappresentate in modo sottile ed efficace.

leggi di più

SOPRAVVISSUTO — THE MARTIAN


di Arianna Ricci


Il countdown era cominciato ormai da tempo, era scritto perfino nella quarta di copertina del romanzo di Andy Weir edito dalla Newton Compton con il titolo L'uomo di Marte di cui già avevamo parlato su Deckard. Ad ottobre, finalmente, il lancio: esce al cinema il film di Ridley Scott Il Sopravvissuto, con Matt Damon nel ruolo del protagonista. Inutile dirlo, difficile che i film siano all'altezza dei romanzi dai quali sono tratti, ma Ridley Scott è quasi una garanzia da Blade Runner (1982) in poi, e lo sceneggiatore, Drew Goddard (che, in passato, ha fatto parte del cast di sceneggiatori di serie come Buffy l'Ammazzavampiri o Lost), ha seguito il romanzo con grande precisione.

leggi di più

GLI UMANI

Matt Haig

Gli Umani

tradotto da Carla Palmieri

Einaudi, 2014

pp. 352, € 19,00

ISBN 9788806218096


di Arianna Ricci


Non è stato facile per me trovarmi qui, ospite inatteso, peso indesiderato, arreso, complici i satelliti che riflettono un benessere artificiale...

[Caparezza, Vengo dalla Luna]


Siamo nell'epoca di Interstellar e The Martian, l'epoca in cui si guarda da lontano Kepler 186f e si trova l'acqua sul Pianeta Rosso: l'epoca in cui noi guardiamo lo spazio, ma cosa accadrebbe se, a nostra insaputa, anche lo spazio guardasse noi e con occhio critico, per giunta? E se, come se non bastasse, decidesse anche di prendere provvedimenti? Gli Umani di Matt Haig si presenta come il resoconto di un antropologo che abbia fatto ricerca sul campo, solo che, per una volta, l'oggetto dell'analisi non è una remota civiltà indigena sconosciuta nascosta nei meandri di una foresta, ma la società intera. Soprattutto quella Occidentale. «Questo libro, il libro che avete in mano, è ambientato proprio qui, sulla Terra. Parla del senso della vita e del nulla assoluto. Spiega come si fa a uccidere qualcuno, e come si fa a salvarlo. Parla di amore e di poeti morti e di burro di arachidi con la granella croccante. Parla di materia e antimateria, di tutto e di niente, di speranza e di odio. Parla di una storiografa quarantunenne di nome Isobel e del suo figlio quindicenne di nome Gulliver e del matematico più in gamba del mondo. Parla, in breve, di come si diventa umani. Prima, però, permettetemi di dire una cosa ovvia. Io non lo ero, umano» (p. 9).

leggi di più

#FUTURAinTour @Bologna: Samantha Cristoforetti

Samantha Cristoforetti, Terry Virts e Anton Shkaplerov all'Aula Magna Santa Lucia


di Arianna Ricci


Poco tempo fa, noi di DECKARD ci siamo occupati della missione di Samantha Cristoforetti prima che partisse verso l'International Space Station. Oggi, abbiamo deciso di seguire il suo ritorno. 8 Ottobre 2015, ore 18:00. L'Aula Magna Santa Lucia dell'Università di Bologna è gremita di gente in trepidante attesa. Si vedono giornalisti, fotografi, cameraman, esponenti dell'Aeronautica Militare Italiana, professori, ma soprattutto studenti, studenti e ancora studenti di tutte le età: dai bambini in età scolare agli universitari. Tutti giunti per un solo motivo: avere l'occasione di ascoltare le parole dell'equipaggio della missione spaziale ISS 42/43 Futura, che di recente ha intrapreso un tour lungo tutta l'Italia, durante il quale descriverà la propria esperienza.

leggi di più

I TRE GIORNI DEL XIII CONVEGNO DEL C.I.C.A.P.

di Arianna Ricci


«Vi invitiamo a spegnere i telefoni cellulari all'interno di questa sala. Ci dispiacerebbe dover ascoltare telepaticamente le vostre telefonate.»


Così parla la voce che risuona nell Teatro Bonci di Cesena e, in questo modo, dà inizio al Tredicesimo Convegno del CICAP. Le tre intense giornate all'insegna dell'indagine, del mistero, dell'illusione, ma soprattutto della divulgazione scientifica, sono aperte dal discorso di Massimo Polidoro che spiega come in questi ventisei anni di attività il CICAP sia cambiato: la “P” di “Paranormale” oggi è diventata “P” di “Pseudoscienze”, allargando i suoi orizzonti di analisi. Spiega Polidoro che i soci, gli iscritti e tutti coloro che collaborano con il CICAP non sono soltanto un gruppo di scettici distruttori di sogni. La scienza ha bisogno di sogni, ha bisogno di misteri, altrimenti cosa andrebbe a studiare? Il mistero suscita domande e curiosità, che sono il motore della scoperta. Lo stesso concetto viene ribadito da Sergio della Sala, il presidente del CICAP, che ne narra la nascita nel 1989: “siamo nati quando sono stati lanciati i gelati Magnum ed i Simpson”. Della Sala inoltre aggiunge l'importanza della divulgazione accanto alla scoperta, poiché senza la capacità di divulgare, la scienza perderebbe parte del proprio significato intrinseco e rimarrebbe quantomai vuota.

leggi di più

SOLO SIGARI QUANDO È FESTA

Alessio Romano

Solo sigari quando è festa

Milano, Bompiani, 2015

pp. 208, € 17.00

ISBN: 9788845279041


di Arianna Ricci


«E sono davvero io l'unico corpo non in movimento di tutta questa stanza che sembra scossa da un'orchestra demoniaca.»


Questa l'originale ambientazione del thriller di Alessio Romano, giovane autore pescarese che ha debuttato con Paradise for all (Fazi, 2005): L'Aquila dell'Aprile 2009. La città sconvolta e tremante diventa lo specchio della mente del protagonista, che si trova invischiato in un concitato gioco di terrore ed astuzia. 


«Google è operativo. Youtube è inutilizzabile [...] Clicco “Mi piace”, ma non ci riesco. Eh, già, con Netscape ho Java Script azzoppato.» (pp. 20 – 21)


Il romanzo si apre mostrando le due facce dei social network: la grande condivisione e l'immediatezza della comunicazione nel momento nel bisogno, ma anche le insidie che si nascondono dietro l'anonimato. Se da un lato Facebook viene usato dai volontari per comunicare le necessità dei centri di raccolta per i terremotati, contemporaneamente il celebre sito è anche il perfetto palcoscenico per gli inganni della rete. Ed è forse giocando su questa idea che un utente misterioso, l'antagonista principale dell'intera vicenda, ha scelto il proprio nickname: il Ragno, che aggiunge fra gli amici cinque persone, per poi ucciderle una ad una. Il più recente dei suoi contatti è Nick Mangone.

leggi di più

BOLOGNA E L'ORIENTE: IL FESTIVAL 2015

di Arianna Ricci


Sia per chi studia l'Oriente nei suoi molteplici aspetti, dai più sfavillanti ai più oscuri, sia per chi pensando ad esso ha in mente l'immagine di una terra fantastica, lontana e misteriosa, fatta di viaggi nel deserto a bordo di un tappeto volante e fiori di loto sbocciati nella seta più pura, il secondo ed il terzo fine settimana di giugno hanno fornito un'occasione di sentirsi un po' Marco Polo, poiché il Fiera District di Bologna ha ospitato il Festival dell'Oriente 2015.

leggi di più

INTERVISTA A LORIANO MACCHIAVELLI

A cura di Arianna Ricci


"Scrivo solo perché

C'è una voce dentro di me

che non si quieta."

Sylvia Plath


Da più di quarant'anni la voce letteraria di Loriano Macchiavelli non si ferma e narra l'Italia nelle sue molte forme e nei suoi cambiamenti, a partire dal 1974 attraverso i romanzi che raccontano le celebri inchieste di Sarti Antonio, e con titoli riferiti ai sotterranei della storia italiana, come Strage (1990) e Funerale dopo Ustica (1989). Eccolo dunque a descrivere la sua esperienza di ricerca e scrittura, in un'intervista concessa di fronte ad un caffè macchiato, che Sarti Antonio non prenderebbe mai...

leggi di più

INTERVISTA A MASSIMO POLIDORO

a cura di Arianna Ricci


«La mia mente [...] si ribella alla stagnazione [...] Io bramo l'esaltazione mentale. Ecco perché ho scelto la mia particolare professione, o piuttosto l'ho creata, dato che sono l'unico al mondo.»

Sherlock Holmes

Arthur Conan Doyle, Il Segno dei Quattro, 1890

 

E la singolare professione di Massimo Polidoro è quella di “esploratore dell'insolito”, che spazia in molte diverse discipline, dalla scienza all'illusionismo, dall'insegnamento di Metodo Scientifico e Psicologia dell’Insolito presso l’Università di Milano-Bicocca alla fondazione del CICAP, e lo porta ai confini del mondo e della realtà, usando curiosità e razionalità combinate insieme. Dopo il successo del suo ultimo romanzo, Il Passato è una Bestia Feroce (la cui recensione trovate qui), eccolo ora a spiegare tutto ciò in un'intervista...

leggi di più

INTERVISTA A VALERIO VARESI

a cura di Arianna Ricci

 

"La detective story, come la creò Poe, è qualcosa di specializzato e intellettuale come un problema di scacchi, mentre la migliore fiction poliziesca Inglese si basa meno sulla bellezza del problema matematico e molto di più sull'elemento umano intangibile." - T.S. Eliot

La tradizione del giallo cambia, con l'ambiente (letterario, sì, ma anche sociale), con l'epoca, ma soprattutto con gli scrittori, che oggi si servono di questo genere in modi e con scopi totalmente diversi dal passato. A spiegare tutto ciò, a partire dalla sua stessa opera, Valerio Varesi, giornalista di La Repubblica, e autore di gialli, e non solo...

leggi di più

IL PASSATO È UNA BESTIA FEROCE

Massimo Polidoro

IL PASSATO È UNA BESTIA FEROCE

Milano, Edizioni PIEMME, 2015

pp. 427, € 15,22

ISBN 9788856639537

 

di Arianna Ricci

 

“Mio caro Jordi,

non ho mai scritto una lettere come questa e mi tremano un po’ le mani. Spero perdonerai la mia calligrafia tremolante. Sono tre anni che ci conosciamo e con voi sto proprio bene. Soprattutto con te. Ecco, sto diventando tutta rossa. Meno male che non mi puoi vedere!

[…]

Un grosso SMACK,

Moni”

 

11 luglio 1982. Finale dei mondiali di calcio. Partita Italia Germania. Strade deserte, auto ferme, la gente chiusa in casa con il fiato sospeso, il presidente Pertini che esulta, primo fra i tifosi. Per tanti è stata una serata da sogno, ma per Monica Ferreri, una bambina di Verazzano che quella notte scompare senza lasciare traccia, per la sua famiglia, e per i suoi compagni di gioco da sempre, Jordi, Zucco e Scat, è solo un istante da incubo.

leggi di più

INTERVISTA A MATTEO BORTOLOTTI — IL MISTERO DELLA LOGGIA PERDUTA

a cura di Arianna Ricci


Un cappello da Sherlock Holmes e la sciarpa chilometrica indossata dal Quarto Dottore in Doctor Who: dopo un incontro letterario del Circolo del Giallo, avvenuto alla Biblioteca Sala Borsa, Matteo Bortolotti, l'autore (ed anche il personaggio protagonista!) di Il Mistero della Loggia Perduta, (la cui recensione trovate qui: http://www.rickdeckard.net/2015/02/21/il-mistero-della- loggia-perduta/) mi incontra davanti ad una birra al Celtic Pub di Bologna, in Via Caduti di Cefalonia, per un'intervista che è quasi una chiacchierata tra amici...


Sulla strada tracciata a partire da Dante Alighieri fino ad Ellery Queen, in Il Mistero della Loggia Perduta tu diventi protagonista del tuo stesso romanzo. Durante la scrittura, com'è stato il rapporto fra il Matteo-scrittore e il Matteo-personaggio?

Il rapporto fra l'autore e personaggi secondo me è sempre un trambusto, se poi il personaggio è una versione di te stesso, ancora di più.

leggi di più

OMAGGIO A LEONARD NIMOY

OMAGGIO A LEONARD NIMOY


di Arianna Ricci


"La vita è come un giardino. I momenti perfetti si possono avere, ma non conservare, eccetto che nei ricordi. Llap"

Leonard Nimoy su Twitter, 23 Febbraio 2015


27 Febbraio 2015. Giunge al mondo la notizia che nessun fan di Star Trek avrebbe mai voluto ricevere: Leonard Nimoy lascia al mondo il ricordo di sé. Su internet, ma anche sui cellulari, i messaggi si accendono come le stelle nello spazio: "L'ho amato come un fratello.

leggi di più

IL MISTERO DELLA LOGGIA PERDUTA

Matteo Bortolotti

IL MISTERO DELLA LOGGIA PERDUTA

Ghezzano, Felici Editore, 2012

pp. 174, € 12.00

ISBN: 978-88-6019-593-7

 

di Arianna Ricci

 

“Il modo migliore per recitare una parte è quello di viverla”

Sherlock Holmes (da L'avventura del detective morente,

in L'ultimo saluto di Sherlock Holmes, di  A.Conan Doyle)

 

Questa frase spunta all'inizio del libro di Matteo Bortolotti, su una pagina bianca prima delle dediche, ma non se ne comprende realmente il significato finché non si comincia il romanzo, perché l'investigatore protagonista di quest'ultimo, un giovane scrittore in giacca verde, camicia Hawaiana, e con un ciuffo di capelli grigi sulla fronte, è Matteo Bortolotti stesso!

leggi di più

INTERVISTA a Tommaso di Carpegna Falconieri

Intervista a Tommaso di Carpegna Falconieri


di Arianna Ricci


J. R. R. Tolkien, Marion Zimmer Bradley, Mary Stewart, Stephen Lawhead, Terry Brooks... A quale tradizione fanno riferimento? E quando si dice “Medioevo”, noi a cosa pensiamo? Lo ha spiegato il Prof. Tommaso di Carpegna Falconieri, docente di Storia Medievale presso l'università degli Studi di Urbino, quando il 27 Novembre 2014 ha tenuto una lezione dal titolo "Medioevo: termine comodo e ingannevole" presso il dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell'Università di Bologna, nell'ambito del corso di Storia della Scienza. Studioso della storia italiana con diverse metodologie, egli si occupa anche di indagare il tema delle testimonianze storiche, soprattutto in relazione ai falsi: a questo proposito, recentemente ha concentrato i suoi interessi sull’uso politico del medioevo nel mondo contemporaneo. Nell'occasione, il prof. Di Carpegna Falconieri ha accetato di rispondere ad alcune domande per Deckard...


1. Medioevo Militante. Perché ha dato questo titolo alla sua opera che parla dei falsi storici relativi al Medioevo?

leggi di più

L’UOMO DI MARTE

Andy Weir

L’UOMO DI MARTE

Roma, Newton Compton Editori, 2014 

pp. 379, € 9,90

ISBN 978 88 541 6938 8 


di Arianna Ricci 


«Spazio. Ultima frontiera...»

Nel 1969 abbiamo mandato un uomo sulla Luna, e dal Novembre del 2000 ne mandiamo periodicamente diversi in orbita a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ma siamo sempre portati a sognare di «spingerci coraggiosamente là dove nessun uomo è mai giunto prima» ed ecco ciò che ha fatto Andy Weir quando ha scritto L'uomo di Marte, immaginando le vicissitudini dell'astronauta Mark Watney sulla superficie del Pianeta Rosso.

leggi di più

Culture e Subculture del Giappone Contemporaneo 

Wabi Sabi Cyber 5: Culture e Subcultre del Giappone Contemporaneo - Body & Robot edition

 

di Arianna Ricci

 

Che cosa strana! Essere vivo sotto i fiori di ciliegio” (Kobayashi Issa)

 

Il 6 Novembre 2014 si è svolta la quinta edizione della giornata di studi “Wabi Sabi Cyber 5: Culture e Subculture del Giappone Contemporaneo”, a cura di Giorgio Amitrano e Matteo Casari, nata dalla collaborazione tra Nipponica e l'Alma Mater Studiorum – Università degli studi di Bologna e Università degli Studi di Napoli L'Orientale. Il progetto “Wabi Sabi Cyber” è dedicato alla cultura giapponese contemporanea e ai suoi linguaggi: manga, anime, arti visive, musica, videogame, cinema, letteratura, teatro, design, architettura, moda, street e pop culture. Studiosi, specialisti, esperti, operatori di settore e docenti universitari condividono competenze ed esperienze per analizzare la cultura giapponese, famosa in tutto il mondo secondo un immaginario comune e così popolare soprattutto fra le nuove generazioni.



leggi di più

INTERVISTA a Danila Comastri Montanari

di Arianna Ricci

Dopo la recensione del suo ultimo romanzo, Pallida Mors, ecco l'intervista a Danila Comastri Montanari, autrice del ciclo di diciassette romanzi gialli che vedono come protagonista Publio Aurelio Stazio, senatore e, suo malgrado, investigatore nell'antica Roma dell'impero di Claudio. Un ringraziamento è dovuto all'autrice, che ha gentilmente soddisfatto una serie di curiosità da lettori, rispondendo ad alcune domande...

1. Tu hai scritto Giallo antico - Come si scrive un poliziesco storico, un vero e proprio manuale che introduce al genere del giallo storico ed al suo mondo, ma tu personalmente come procedi nelle ricerche e nella costruzione dei tuoi romanzi?
I miei romanzi possono nascere da un luogo suggestivo, da un episodio capitato a me personalmente, da una vicenda di un libro o di un film rimastami in memoria, oppure semplicemente da un vagabondare dell'immaginazione in cui tutti questi elementi si mescolano. Poi, è ovvio, viene la documentazione, che attinge prima di tutto ai classici (chi altri potrebbe descrivere veristicamente il passato, se non chi nel passato ci viveva?) alla storia materiale, quella degli oggetti per intenderci e quindi all'archeologia, poi alla storia delle mentalità: altro infatti è il significato della parola "amore" in Catullo, altro in Dante, altro nell'Ortis, altro ancora in Delly o Barbara Cartland. Idem con altri concetti chiave quali "onore" "virtù" "morte" "gloria". Di tutto ciò devo tenere conto.

leggi di più

PALLIDA MORS

Danila Comastri Montanari
PALLIDA MORS
Milano: Mondadori, 2013
pp. 319, € 14.90
ISBN: 9788804630982

di Arianna Ricci

"Rileggo le postille a Il Nome della Rosa con attenzione particolare al paragrafo: "Il romanzo come fatto cosmologico". In effetti, una delle cose più belle di questo mestiere è che si possono creare universi: coerenti, finiti, necessari."
                                               Danila Comastri Montanari, 25 Gennaio 2014

Danila Comastri Montanari ha pubblicato articoli divulgativi, racconti e romanzi, tra i quali diciassette compongono gli episodi di un ciclo che riporta in vita gli splendori e le ombre dell'antica Roma, durante l'impero di Tiberio Claudio Cesare (41 d.C. -54 d.C.) e della sua famosa e famigerata consorte Valeria Messalina. L'autrice nasce a Bologna il 4 novembre del 1948. Lasciata precocemente la scuola, si laurea in Pedagogia nel 1970 e in Scienze Politiche nel 1978. Dopo aver insegnato e girato il mondo in lungo e in largo per vent'anni, nel 1990 scrive il suo primo romanzo, Mors Tua, vincitore del Premio Tedeschi, e inizia a dedicarsi a tempo pieno alla narrativa, privilegiando il genere del giallo storico, con il quale mette insieme i suoi principali interessi: lo studio del passato e il mistero. Su una delle alette della sovracoperta di Pallida Mors, l'ultimo romanzo della saga, di lei si dice: "accanita fumatrice, apprezza gli alcoolici, rifugge dalle diete, ama i gatti, frequenta stazioni termali e scavi archeologici, legge romanzi polizieschi e fantascientifici, saggistica storica e antropologica, divulgazione scientifica, classici latini, greci e cinesi. È una fanatica utente di internet e potete trovarla quotidianamente su Facebook".

leggi di più

Intervista a Luca Martinelli

di Arianna Ricci

 

In quanto scrittore di apocrifi di Sherlock Holmes e direttore dello Strand Magazine italiano, organo principale dell'associazione Uno Studio in Holmes, chi meglio di Luca Martinelli avrebbe potuto soddisfare alcune domande sulla scienza dello scrivere del detective di Baker Street? Dopo la recensione del suo ultimo romanzo, Sherlock Holmes e l'enigma del cadavere scomparso, ecco l'intervista all'autore, a cui va un ringraziamento per la sua disponibilità.

leggi di più

Sherlock Holmes e l'Enigma del cadavere scomparso

Luca Martinelli
Sherlock Holmes e l'Enigma del cadavere scomparso
Milano: DelosBooks, 2014
252, € 3,99 (ebook)
ISBN: 9788865304884

di Arianna Ricci

Fin dai tempi in cui Arthur Conan Doyle posò la penna per l'ultima volta, il mondo intero non si è potuto rassegnare all'idea che le avventure di Sherlock Holmes fossero terminate, e così nacquero i primi romanzi apocrifi, spettacoli teatrali, sceneggiati radio e tv. I club di appassionati, esperti, studiosi e aficionados di Sherlock Holmes e delle sue avventure sono centinaia in tutto il mondo: in Inghilterra, negli Stati Uniti, in Canada, in Australia, ma anche in Francia, Germania, Svezia, Giappone, Venezuela, Cina, etc... Molti hanno pagine web su internet e comunicano tra loro, cosicché la lista degli “Hounds of Internet” (il gruppo online accertato più ampio per la discussione su Sherlock Holmes e argomenti affini) consta di 512 corrispondenti dai cinque continenti.

leggi di più

CRIMEWORLD

Steve Valentine (autore), Daniel J. Frey (illustratore) 

CRIMEWORLD 

Bloody Brilliant Productions, 2012

 

di Arianna Ricci

 

«Hollywood. It's all about the trash. Where we've been, where we are, where we're headed. All right here in the garbage. You've just gotta learn to read between the lines. And the first thing you get? If there's one thing this town does really well, it's crime. That's mass crime – with wide appeal and audience interaction. With fabulous, star attachments.»

 

(Crimeworld, Vol.1, pp. 7-10)

leggi di più

La missione di Samantha Cristoforetti: la prima donna italiana nello spazio

ISS 42/43 Futura

La missione di Samantha Cristoforetti: la prima donna italiana nello spazio 

 

di Arianna Ricci

 

 

"Esistiamo per contemplare lo spettacolo del cielo e anche lo spettacolo del nulla, dove sono le nostre radici. L'espressione proverbiale «con i piedi per terra» è terribilmente riduttiva.” Giuseppe Lippi, “Tweet da Lassù”, in 70 ore nel futuro, ed. Rêverie, 2013. Ora più che mai, l'Italia stacca i propri piedi da terra e si volge a contemplare l'infinito: dopo il ritorno dell'astronauta Luca Parmitano, qualcun altro sta per puntare la bandiera tricolore fra le stelle; nel Novembre 2014, l'ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano Samantha Cristoforetti decollerà a bordo della navicella russa Soyuz, verso la Inernational Space Station.

leggi di più

RIPPER STREET. La serie inglese che mette in scena l'ossessione per Jack

RIPPER STREET. La serie inglese che mette in scena l'ossessione per Jack 

 

di Arianna Ricci

 

Red Jack”, “Grembiule di cuoio”, “Jack lo Squartatore” o semplicemente “Squartatore” (“Ripper”): questi e tanti altri i nomi usati per chiamare l'assassino seriale più famoso della storia, che rese celebre con sé il quartiere londinese di Whitechapel, luogo in cui nel 1888 terrorizzò l'intera città con una eco tanto forte da durare fino ad oggi.

Innumerevoli le opere che hanno messo in scena la sua figura, tentando di trovarle un'identità e dare pace una volta per tutte alle “Canoniche Cinque”, le donne vittime di Jack; ad esempio, impossibile non citare il romanzo del 1966 Uno Studio in Nero, dal ciclo di Ellery Queen, in cui nelle mani di Ellery giunge un manoscritto mai pubblicato del Dott. Watson, in cui si racconta di come Sherlock Holmes abbia in realtà scoperto chi si nascondeva dietro la maschera di Jack.



leggi di più

INTERVISTA a Marcello Simoni

a cura di Arianna Ricci

 

Marcello Simoni, ex archeologo, laureato in Lettere e bibliotecario, oggi si presenta sulle scene letterarie come giovane scrittore di grande successo. Vincitore del 60° Premio Bancarella, selezionato al Premio Fiesole 2012 e finalista al Premio Emilio Salgari 2012, ha esordito con il thriller storico Il mercante di libri maledetti, il quale ha superato le 500.000 copie. A questo è seguito La biblioteca perduta dell’alchimista, secondo capitolo della trilogia. Al di fuori di questa, L’isola dei monaci senza nome, nato come un eBook a puntate dal titolo Rex Deus, il breve romanzo I sotterranei della cattedrale, che ha venduto oltre 150.000 copie (recensione: http://www.rickdeckard.net/2013/05/08/i-sotterranei-della-cattedrale) ed il suo seguito, l'Enigma del violino, racconto contenuto nella raccolta Estate in Giallo, edita dalla Newton Compton.



leggi di più

SugarPulp Festival 2013

di Arianna Ricci e Giulia Giaccaglia

 

Padova. In una fredda mattina di Ottobre, il Centro San Donato si scalda fin dalle 10:00 ed è in fermento per la seconda giornata dello SugarPulp Festival. Nato come uno degli spin-off dell'omonima Associazione Culturale, durante il Festival annuale che si è svolto dal 4 al 6 Ottobre, è stata promossa una importante serie di rassegne, eventi, conferenze, proiezioni e presentazioni, atte alla diffusione della cultura contemporanea, con particolare attenzione alla letteratura, insieme ai fumetti, all'illustrazione di ogni genere (dal Biomechanical Circus di Giorgio Finamore ai graffiti e alla street-art dell'Associazione Jeos) ed alla cultura cinematografica.

La nostra spedizione ci porta a passare l'intera giornata di Sabato 5 fra le strade di Padova e le le mura del Centro San Gaetano; in mezzo alla grande quantità di spunti interessanti che ci vengono offerti, quattro incontri in particolare attirano la nostra attenzione...



leggi di più

ROCK CONTRO TREK. La guerra dei nomi per le Lune di Plutone

di Arianna Ricci

 

Se avete letto il mio precedente articolo, in cui ho recensito il film Star Trek Into Darkness e analizzato l'influenza che la Serie Classica ha avuto sulle applicazioni scientifiche “dalla fiction alla realtà” (http://www.rickdeckard.net/2013/07/05/star-trek-into-darkness/), ricorderete la mia entusiastica chiusa, in cui annunciavo la scoperta di due nuove lune che orbitano attorno a Plutone e l'imminente battesimo di una delle due con il nome di “Vulcan”, secondo quanto votato dalla maggioranza degli utenti sul sondaggio online istituito appositamente dal SETI Institute (Search for Extra-Terrestrial Intelligence). Ebbene, le cose non sono andate come molti si aspettavano: ecco la cronaca di ciò che è accaduto...

leggi di più

STAR TREK. INTO DARKNESS

STAR TREK. SCIENZA E FILOSOFIA, DALLA FICTION ALLA REALTÀ

di Arianna Ricci

 

Per quattro anni, il web ha echeggiato del clamore dei giovani fans di tutto il mondo. Adesso, finalmente, Star Trek è tornato a velocità di curvatura sul grande schermo: il 12 Giugno è uscito nelle sale cinematografiche italiane l'atteso Into Darkness, seguito del “reboot” Star Trek uscito nel 2009. All'efficace combinazione di personaggi ed interpreti sono state aggiunte due novità: la Dottoressa Marcus, eredità del film Star Trek II – L'ira di Khan del 1982, interpretata oggi da Alice Eve, e lo stesso Khan Noonien Singh (allora Ricardo Montalban, oggi Benedict Cumberbatch), risvegliato prematuramente dal suo sonno criogenico a causa degli avvenimenti verificatisi nel primo film.

leggi di più

I Sotterranei della Cattedrale

Marcello Simoni

I SOTTERRANEI DELLA CATTEDRALE

Newton Compton, 2013

Di Arianna Ricci 

 

Poco più di un mese fa, il web e alcune riviste letterarie sono esplosi per l'entusiasmo dei lettori più accaniti: la Newton Compton pubblica in formato pocket a meno di un euro una serie di romanzi e testi celebri. E fra nomi importanti come William Shakespeare ed Edgar Allan Poe, spicca anche quello di Marcello Simoni. “Tra i big! Sono a fianco di Poe, che anni fa leggevo in edizione economica mentre sognavo di diventare scrittore...” scrive Marcello Simoni sulla sua pagina Facebook, pochi giorni dopo la pubblicazione del romanzo I Sotterranei della Cattedrale, e ne ha ben donde: in brevissimo tempo questo libro formato tascabile, di non più di 124 pagine, scala le classifiche dei più venduti

 

leggi di più